Home > Il Sindaco
Entra nell'area riservata
Entra
Il Sindaco

Il Sindaco Adamo Carulli

 

Eletto domenica 11 giugno 2017, è stato proclamato il giorno 12 dello stesso mese.
Ha ricevuto 704 voti pari al 57% dei voti espressi con la lista civica "Insieme per Roccamontepiano"
Adamo Carulli è perito chimico e svolge attività di analisi di laboratorio.
Nato a Chieti il 22 ottobre 1974, vive da sempre a Roccamontepiano ed è sposato dal 2015 con l'architetto Ramona Masssa da cui hanno avuto il figlio Gabriele, nato nel 2016.
Egli è stato già Consigliere comunale e Assessore dal 1998 al 2002 con l'allora Sindaco Giovanni Legnini, attuale Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura.
Nel 2002 viene eletto Sindaco a solo ventisette anni.
Rieletto per un secondo mandato nel 2007 ha svolto questo madato fino al 2012.
Oggi torna a cingere la fascia tricolore attribuitagli dai suoi concittadini dopo cinque anni di Consiglio comunale nelle file della maggioranza.

 

 

 Compiti e le funzioni del Sindaco

Il Sindaco è l’organo monocratico al governo di un Comune. Informalmente denominato anche “primo cittadino”, secondo l’art.36 del D.Lgs. 267/2000 (Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali), il Sindaco è uno degli organi di governo del Comune, assieme alla Giunta comunale e al Consiglio comunale.

  Secondo l’art.46 del D.Lgs 267/2000, il Sindaco è eletto direttamente dai cittadini residenti nel comune a suffragio universale ed è membro di diritto del Consiglio Comunale.

 

  Secondo l'art. 55 del D.Lgs. 267/2000 sono eleggibili a sindaco gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione. Quindi può essere eletto sindaco di un comune anche chi non risiede nel comune stesso. In base agli art. 71 e 72 del D.Lgs. 267/2000 il sindaco è eletto contestualmente all'elezione del consiglio comunale. È, per Statuto e per le leggi dello Stato, il responsabile dell'amministrazione ed è il legale rappresentante del Comune; egli esercita le funzioni di Ufficiale di Governo.

 

  Il Sindaco è la più alta espressione della comunità cittadina. Nell'esercizio delle sue funzioni si ispira a criteri di imparzialità. Rappresenta il Comune ed è garante dell'integrità territoriale e dei suoi valori e beni ambientali, paesaggistici, storici ed artistici. Esso è' l'organo responsabile dell'amministrazione, sovraintende alle verifiche di risultato connesse al funzionamento dei servizi comunali, impartisce direttive al segretario comunale, al direttore generale, se nominato, e ai responsabili degli uffici e servizi in ordine agli indirizzi amministrativi gestionali, nonché sull'esecuzione degli atti.

 

  La legge disciplina le modalità per l'elezione, i casi di incompatibilità e di ineleggibilità all'ufficio del Sindaco, il suo status e le cause di cessazione dalla carica. Al Sindaco, oltre alle competenze di legge, sono assegnate dallo Statuto e dai regolamenti, attribuzioni quale organo di amministrazionedi vigilanza e poteri di autorganizzazione delle competenze connesse all'ufficio. Il Sindaco ha la rappresentanza generale dell'Ente, può delegare le sue funzioni o parte di esse ai singoli assessori o consiglieri ed è l'organo responsabile dell'amministrazione del Comune.

  In particolare il Sindaco:

  • Rappresenta in giudizio il Comune, fatta salva la facoltà di delegare detta rappresentanza ad un assessore o ad un dipendente cui abbia conferito le funzioni dirigenziali;
  • Emana direttive al segretario comunale, al direttore generale, ove nominato, ed ai dipendenti cui siano attribuite le funzioni dirigenziali, nel rispetto del principio della separazione del competenze tra organi politici e burocratici, in ordine agli indirizzi amministrativi ed all'andamento gestionale;
  • Promuove ed assume iniziative tese ad assicurare che uffici, servizi, aziende speciali, istituzioni e società comunali che svolgano le loro funzioni in coerenza con gli obiettivi e programmi stabiliti dal Consiglio e dalla Giunta.
  • Conferisce e revoca al Segretario comunale le funzioni di direttore generale, se lo ritiene opportuno, nel caso in cui non sia stipulata la convenzione con altri comuni per la nomina del direttore;
  • Fissa la data e convoca i comizi per i referendum previsti dall' art.6 della L.142/90 e succ, modifiche ed integrazioni.

 

  Il Sindaco può delegare le sue funzioni o parte di esse, al Vicesindaco ed ai singoli Assessori. Nella delega, va redatta per iscritto e vanno chiaramente indicati i settori di attività, nell'ambito di materie omogenee. L'atto di delega reca in calce l'esplicita accettazione del delegato, essa va comunicato al Consiglio Comunale, alla Prefettura, al Segretario comunale, al Direttore generale ove nominato, ed ai dipendenti cui siano state attribuite le funzioni dirigenziali, nonché affisso all'albo pretorio del comune. Analoga pubblicità va assicurata per i provvedimenti di revoca e modifica delle deleghe.

 

  Il Vicesindaco è l'assessore che ha la delega generale per l'esercizio delle funzioni del Sindaco, in caso di sua assenza o impedimento. Nel caso di dimissione, impedimento permanente, rimozione decadenza o decesso del Sindaco le funzioni dello stesso sono svolte dal Vicesindaco fino alla elezione del nuovo Sindaco. Il Sindaco può delegare funzioni quale ufficiale di governo anche al personale comunale, nel rispetto della disciplina stabilita dal regolamento sull'ordinamento generale degli uffici e dei servizi.

 

 

 

 

 

 Compiti e le funzioni del Sindaco

 Il Sindaco è l’organo monocratico al governo di un Comune. Informalmente denominato anche “primo cittadino”, secondo l’art.36 del D.Lgs. 267/2000 (Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali), il Sindaco è uno degli organi di governo del Comune, assieme alla Giunta comunale e al Consiglio comunale.

  Secondo l’art.46 del D.Lgs 267/2000, il Sindaco è eletto direttamente dai cittadini residenti nel comune a suffragio universale ed è membro di diritto del Consiglio Comunale.

 

  Secondo l'art. 55 del D.Lgs. 267/2000 sono eleggibili a sindaco gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione. Quindi può essere eletto sindaco di un comune anche chi non risiede nel comune stesso. In base agli art. 71 e 72 del D.Lgs. 267/2000 il sindaco è eletto contestualmente all'elezione del consiglio comunale. È, per Statuto e per le leggi dello Stato, il responsabile dell'amministrazione ed è il legale rappresentante del Comune; egli esercita le funzioni di Ufficiale di Governo.

 

  Il Sindaco è la più alta espressione della comunità cittadina. Nell'esercizio delle sue funzioni si ispira a criteri di imparzialità. Rappresenta il Comune ed è garante dell'integrità territoriale e dei suoi valori e beni ambientali, paesaggistici, storici ed artistici. Esso è' l'organo responsabile dell'amministrazione, sovraintende alle verifiche di risultato connesse al funzionamento dei servizi comunali, impartisce direttive al segretario comunale, al direttore generale, se nominato, e ai responsabili degli uffici e servizi in ordine agli indirizzi amministrativi gestionali, nonché sull'esecuzione degli atti.

 

  La legge disciplina le modalità per l'elezione, i casi di incompatibilità e di ineleggibilità all'ufficio del Sindaco, il suo status e le cause di cessazione dalla carica. Al Sindaco, oltre alle competenze di legge, sono assegnate dallo Statuto e dai regolamenti, attribuzioni quale organo di amministrazione, di vigilanza e poteri di autorganizzazione delle competenze connesse all'ufficio. Il Sindaco ha la rappresentanza generale dell'Ente, può delegare le sue funzioni o parte di esse ai singoli assessori o consiglieri ed è l'organo responsabile dell'amministrazione del Comune.

  In particolare il Sindaco:

  • Rappresenta in giudizio il Comune, fatta salva la facoltà di delegare detta rappresentanza ad un assessore o ad un dipendente cui abbia conferito le funzioni dirigenziali;
  • Emana direttive al segretario comunale, al direttore generale, ove nominato, ed ai dipendenti cui siano attribuite le funzioni dirigenziali, nel rispetto del principio della separazione del competenze tra organi politici e burocratici, in ordine agli indirizzi amministrativi ed all'andamento gestionale;
  • Promuove ed assume iniziative tese ad assicurare che uffici, servizi, aziende speciali, istituzioni e società comunali che svolgano le loro funzioni in coerenza con gli obiettivi e programmi stabiliti dal Consiglio e dalla Giunta.
  • Conferisce e revoca al Segretario comunale le funzioni di direttore generale, se lo ritiene opportuno, nel caso in cui non sia stipulata la convenzione con altri comuni per la nomina del direttore;
  • Fissa la data e convoca i comizi per i referendum previsti dall' art.6 della L.142/90 e succ, modifiche ed integrazioni.

 

  Il Sindaco può delegare le sue funzioni o parte di esse, al Vicesindaco ed ai singoli Assessori. Nella delega, va redatta per iscritto e vanno chiaramente indicati i settori di attività, nell'ambito di materie omogenee. L'atto di delega reca in calce l'esplicita accettazione del delegato, essa va comunicato al Consiglio Comunale, alla Prefettura, al Segretario comunale, al Direttore generale ove nominato, ed ai dipendenti cui siano state attribuite le funzioni dirigenziali, nonché affisso all'albo pretorio del comune. Analoga pubblicità va assicurata per i provvedimenti di revoca e modifica delle deleghe.

 

  Il Vicesindaco è l'assessore che ha la delega generale per l'esercizio delle funzioni del Sindaco, in caso di sua assenza o impedimento. Nel caso di dimissione, impedimento permanente, rimozione decadenza o decesso del Sindaco le funzioni dello stesso sono svolte dal Vicesindaco fino alla elezione del nuovo Sindaco. Il Sindaco può delegare funzioni quale ufficiale di governo anche al personale comunale, nel rispetto della disciplina stabilita dal regolamento sull'ordinamento generale degli uffici e dei servizi.

Galleria fotografica
img
Accessibilità
cartina
Scheda del
Territorio
Provincia: Chieti
Estensione: 18,10 km²
Altitudine: 458 m s.l.m.
Numero Abitanti: 1813 al 8/10/2011
Densità: 103 ab/km²
Denominazione abitanti: Roccolani
Santo Patrono: San Carlo Borromeo